Quali sono i migliori cani da tartufo

I preziosi e inebrianti tartufi che fanno bella posa di sè sulle tavole più glamour del pianeta sono frutto della passione e della infnita pazienza di pochi tartufai, ma non meno, è bene ricordarlo, merito del fiuto e della fedeltà dei loro cani
Vediamo di saperne qualcosa di più.

La ricerca del tartufo: come scegliere il cane migliore

Iniziamo dal dire che ogni razza è addestrabile, anche se da sempre, vengono predilette precise tipologie di cani in quanto sono più adatte all’addestramento.
Tra queste il  Bracco, il Pointer, il Lagotto romagnolo, lo Spinone, il Cocker e non meno abili si dimostrano i  Jack Russel. Ovviamente esistono sostanziali differenze anche fra esemplari  della stessa razza, infatti quelli adatti devono possedere importanti qualità.
La prima caratteristica ovviamente è quella dell’olfatto che deve essere molto sviluppato. Non meno importante l’attitudine dell’animale e a non distrarsi da qual si voglia odore che non sia quello del tartufo.
Altra fondamentale capacità è quella di dimostrare una resistenza notevole in quanto le ricerche durano di solito molto tempo e, a tal fine, è  molto utile èdisporre di un segugio dal carattere calmo, ma allo stesso tempo anche sveglio, agile e soprattutto ubbidiente. Visto, infatti, la necessità di addentrarsi in zone boschive, il nostro amico a quattro zampe non deve avere interesse per gli animali selvaggi che vi abitano.
Importante il cane, ma fondamentale la cura dell’addestramento. I cani, infatti, al momento della scoperta del prezioso tubero, devono saper restare immobili, indicando al padrone quale sia il punto corretto in cui cercare.

Inoltre tutte queste qualità devono variare rispetto alla zona di ricerca in quanto in montagna, ad esempio, è utile avere cani più veloci e con passo lungo, poichè gli stessi  devono avere la forza di scalare diversi metri su terreni ripidi e non regolari. Al contrario se la zona interessata si trova in un luogo prevalentemente pianeggiante, si puo’ optare per cani con passo corto e più calmo per agevolare il padrone nel momento del richiamo del cane.

Cani addestrati e non addestrati: cosa scegliere

inevitabile, a questo punto, la domanda: meglio puntare su un esemplare già addestrato o piuttosto puntare su un cane, da far crescere ( e con cui crescere) insieme?
Per i principianti è consigliato utilizzare  quelli già addestrati per agevolare il lavoro, mentre  gli esperti della ricerca, invece, potranno permettersi di scegliere un cane dal buon fiuto, al quale, grazie alla propria esperienza, trasmettere  tutti i comandamenti e le malizie della ricerca
Una razza adatta a ogni tipo di persona alla ricerca di questo buon cibo che è stata già stata citata precedentemente è quella del Lagotto, in quanto è molto semplice da addestrare ed è un perfetto cane da tartufo.

Tutti accorgimenti importanti, anche se alla fine, primo ingrediente quello del rapporto tra uomo e animale. Se non esiste fiducia reciproca fra conduttore e cane difficilmente  la riuscita del lavoro sarà soddisfacente, meglio ricordarlo sempre.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

UA-77268778-3